Il piacere molto probabilmente è l’emozione più ricercata ed esaltata della moderna ed avanzata società occidentale. 

Per piacere possiamo intendere quello stato di appagamento interiore tipico di una persona realizzata ed in armonia, con se stessa, con la vita e con gli altri.

Tuttavia, negli ultimi anni, la costante e continua ricerca di piacere ci ha allontanato parecchio da quello che è il significato più intimo e profondo di questa emozione, portandolo da un lato all’esasperazione e dall’altro alla condanna.

Se il lato dell’esasperazione di questa emozione può essere pericoloso perchè ci fa riconoscere come “stimolo piacere” anche le cose potenzialmente più pericolose che possono arrivare perfino a rovinarci la vita (come ad esempio le varie dipendenze o le droghe), la condanna del piacere non è certo da meno. 

Infatti negarsi ogni minimo piacere può portarci a vivere una vita all’insegna della tristezza e della privazione, portandoci, nella peggiore delle ipotesi alla depressione.

Ma è possibile vivere una vita in equilibrio, traendo da questa emozione ciò che può donarci di positivo senza rischiare di eccedere?

La risposta è Sì e tra poco scopriremo insieme la routine giusta per affrontare la giornata e la vita con piacere, ma prima permettimi di farti una domanda: Cosa dovrebbe cambiare concretamente nella tua vita farti dire che sei felice?

Pongo molto spesso questa domanda in terapia ai miei pazienti che entrano in studio con problematiche varie come senso di incapacità e ansia generalizzata, ossessioni, fobie, attacchi di panico, problemi relazionali, disturbi alimentari… e oltre il 70% mi confessa di non avere una risposta a questa domanda, in apparenza molto semplice.

Se anche tu ti trovi in questa situazione ti consiglio di porti questa domanda ogni mattina appena sveglio, non importa se le risposte non arrivano subito. Prima o poi arriveranno.

Porti questa domanda ha un impatto immediato molto potente per la qualità della tua vita e della tua felicità perchè mette in moto dentro di te un meccanismo profondo che ti porterà a trovare o ritrovare il piacere nella vita. 

Imparerai a ritagliarti concreti spazi dedicati a te stesso.

Dopo questa piccola ma fondamentale premessa vediamo insieme la routine quotidiana giusta per ritagliarsi momenti di puro piacere e dare uno slancio alla nostra vita.

Molte correnti di pensiero affermano che per avere successo nella vita occorre svegliarsi alle 4 di mattina (preferibilmente posizionando la sveglia in un altra stanza per evitare di post porla), fare un’ora di meditazione, un’ora di attività fisica possibilmente ad alta intensità e una doccia fredda prima di iniziare la giornata…

Vale per qualcuno…ma non per tutti!

Se queste attività non ti danno piacere non faranno altro che aumentare il tuo stato di malessere!

E cosa succede dopo?

…che molto probabilmente andrai a cercare il piacere nei modi e nelle attività meno indicate per il tuo benessere!

Iniziare con il piede giusto è corretto, ma ma non ci sono modi giusti o sbagliati in assoluto!

C’è il modo migliore per te!

Quindi, il mio consiglio è di seguire la routine che ti sto per proporre completamente adattabile al tuo stile di vita.

Se sarai abbastanza coraggioso da organizzare la tua giornata in questa maniera è molto probabile che riuscirai a re-innescare dentro di te la sensazione di piacere, a gestirlo evitando di far sfuggire la situazione al tuo controllo affinché, come sostiene il mio maestro Giorgio Nardone, “il piacere torni ad essere il vento che sospinge le nostre vele” e, aggiungo io, che ci dona quel senso di gioia e leggerezza per progredire nella vita.

 

Test per la giornata perfetta:

  • inizia al mattino facendo le cose che ti piacciono di più e che reputi (in apparenza) più inutili come ad esempio leggere un libro, scrivere, giocare con il tuo cane, prepararti il tuo pasto preferito.
  • Prosegui la tua routine nel fare le cose che ti piacciono di più e che reputi utili
  • Poi inserisci nella tua giornata le cose che ti piacciono di meno e che reputi indispensabili
  • Infine, dedicati, alle cose indispensabili che non ti piacciono

 

In questo modo, è come se ti auto-prescrivessi dei momenti di piacere in uno spazio e in un tempo deciso da te per evitare di farti travolgere e fregare dal piacere ma, allo stesso tempo, inserendolo quotidianamente nella tua to do list affinché ogni giorno abbia il giusto pizzico di felicità!

Siamo arrivati alla fine di questo articolo, se ti va prova i consigli che ti ho dato e fammi sapere com’è andata e come sono cambiate le cose.

Lara

P.S: credo fortemente nel potere della condivisione, quindi se ritieni utile questo articolo condividilo con chi desideri affinché queste parole possano aiutare più persone possibili.